Vai al contenuto

Aimée de Jongh vince la 32ª edizione del Premio delle fumetterie con il libro “Jours de Sable” (Dargaud)

La 32ª edizione del Prix des Libraires de Bande Dessinée (premio delle fumetterie) è stato vinto dall’autrice olandese Aimée de Jongh con il libro Jours de Sable, pubblicato da Dargaud.

Il premio viene assegnato ogni anno dai librai della rete Canal BD con l’obiettivo di promuovere la diversità nel fumetto e incoraggiare la libertà dei suoi creatori.

La vincitrice di quest’anno è Aimée de Jongh con il libro Jours de Sable, tradotto dall’olandese da Jérôme Wicky e pubblicato da Dargaud. De Jongh prende il posto dei vincitori dello scorso anno: Alain Ayroles e Juanjo Guarnido, che avevano vinto con Les Indes Fourbes (Delcourt).

Aimée de Jongh (1988) ha pubblicato il suo primo fumetto Aimée TV quando aveva 18 anni. Si è formata in cinema d’animazione presso le scuole di Belle Arti di Rotterdam e Gent. Ha pubblicato una dozzina di volumi a fumetti e collaborato a cinque film d’animazione. La sua serie quotidiana a fumetti Snippers (Coinquilini) viene pubblicata in Olanda e Svizzera; in Belgio è conosciuta soprattutto per le sue serie a fumetti per bambini, Kito & Boris e Slimme Pim. Nel 2014 ha scritto la sua prima graphic novel, per la quale ha firmato anche la sceneggiatura: Le retour de la bondrée. Il libro è stato accolto molto bene e ha vinto il prestigioso Prix Saint-Michel per il miglior fumetto del 2014-2015. Pubblicato in Francia da Dargaud è stato trasposto per il cinema nel 2016. Nel 2018 ha pubblicato L’obsolescence programmée de nos sentiments sempre per la casa editrice Dargaud, su testi di Zidrou. Tutti i suoi libri sono inediti in Italia.

Jours de Sable, ambientato nella cosiddetta Dust Bowl (Oklahoma, Kansas, Texas) negli anni della Grande Depressione racconta la storia di John Clark, fotografo ventenne, incaricato dalla Farm Security Administration di realizzare un reportage fotografico. Il lavoro diventa presto un viaggio iniziatico e la strada di Clark incrocia quella della giovane Betty, che gli fa aprire gli occhi sulla tragedia umana causata dalla crisi economica.

Articolo precedente

Séraphine Menu alla direzione della nuova collana di fumetti delle edizioni Møtus

Articolo successivo

Top 20 BD: i fumetti più venduti della settimana 3/2022, cosa è successo?