Vai al contenuto

Anne-Sylvie Bameule prende il posto di Françoise Nyssen come presidente di Actes Sud

Scritto da:

Dario Morgante

Dal Primo gennaio 2023, Anne-Sylvie Bameule diventerà presidente del gruppo editoriale Actes Sud, prendendo il posto di Françoise Nyssen, nell’ambito di una riorganizzazione della governance del gruppo preparata da tempo e annunciata lo scorso 26 settembre a tutti i dipendenti del gruppo.

Accanto ad Anne-Sylvie Bameule, Julie Gautier prende il posto di Olivier Randon come direttore generale, mentre Pauline Capitani diventa direttore operativo. Insieme, rappresentano un passaggio di consegne generazionale e familiare, poiché i tre nuovi direttori di Actes Sud sono tutti figlie di Françoise Nyssen e/o Jean-Paul Capitani, che hanno sviluppato l’azienda dopo la morte dei suoi co-fondatori nel 1978, Hubert Nyssen e Christine Le Boeuf. Françoise Nyssen, che è anche l’ex ministro della Cultura (2017-2018), e Olivier Randon rimangono membri del consiglio di amministrazione insieme a Anne-Sylvie Bameule, Julie Gautier e Pauline Capitani.

Actes Sud festeggerà il suo 45° anniversario nel 2023 e si posiziona al 12° posto nella classifica 2022 degli editori francesi con un fatturato di 69,5 milioni di euro e una crescita dell’11,6% anno su anno. Tra i principali editori indipendenti di letteratura generale e libri illustrati (libri per bambini, libri d’arte, fumetti), la società controlla Payot & Rivages, Acts Sud Junior, Babel, Papiers, Solin, Sindbad, Photo Poche, Rouergue, Jacqueline Chambon, Hélium, Thierry Magnier, Imprimerie nationale, L’An 2, Errance, Picard, Gaïa, Textuel (65%), Inculte (63%) e Camburakis (60%), oltre a otto librerie a Arles, Marsiglia, Calais e Parigi.

Anne-Sylvie Bameule, dopo aver studiato economia in Francia e negli Stati Uniti e a Science Po Paris, ha iniziato la sua carriera professionale presso il dipartimento “Teatro” dell’Associazione Francese per l’Azione Artistica, poi presso il Servizio di Informazione del Governo come responsabile del dipartimento “Azioni territoriali e internazionali”. Ha partecipato all’apertura del Museo Quai Branly come vice direttore della comunicazione e nel 2009 è entrata a far parte di Actes Sud. Oggi è membro del consiglio di amministrazione, direttore editoriale dei domini “Arti, Natura, Società e Gioventù” e cofondatrice del festival “Agir pour le vivant”.

Articolo precedente

L'editore di giochi da tavolo Iello entra in Média Participations

Articolo successivo

Le vendite di manga sono aumentate del 168% nella prima metà del 2022