Vai al contenuto

L’acceleratore “Shoot the book” ad Angoulême 2022

Il trend degli adattamenti cine-tv di fumetti più o meno noti subirà un incremento? È quello a cui punta l’acceleratore di incontri “Shoot the book”, creato dalla SCELF, una società partecipata tra editori per la gestione dei diritti d’autore.

Con una partnership annunciata ieri con il Festival di Angoulême, Shoot the book avrà luogo dal vivo a partire dall’edizione 2022 del festival (pandemia permettendo).

Shoot the book mira a creare momenti di incontro tra editori e produttori, dove i primi presenteranno i loro titoli più promettenti per la trasposizione cine-tv.

Shoot the book è un’iniziativa attiva dal 2014 che si tiene a Cannes e in vari altri festival cinematografici. Secondo la direttrice di SCELF, Nathalie Piaskowski, circa il 30% dei libri presentati ottiene un’opzione.

Articolo precedente

Terremoto: Joël Dicker lascia le edizioni De Fallois e si mette in proprio

Articolo successivo

Thomas Flahaut vince il premio Effractions 2021 con "Les Nuits d'été"