Vai al contenuto

Natacha, l’hostess bionda icona del fumetto anni Settanta, avrà il suo film

Natacha, icona del fumetto francobelga degli anni Settanta, avrà finalmente il suo adattamento cinematografico.

Me hanno dato notizia ieri, con un comunicato stampa, i diretti interessati ovvero TF1 Studio e la Daïdaï Films.

Alla regia è stata chiamata Noémie Saglio (Tutte per una su Netflix) che ne curerà anche la sceneggiatura assieme a Laurent Turner (Le petit Spirou).

Natacha, un fumetto di grande successo creato dai belgi Gos e Walthéry, ha debuttato nel 1970 sul settimanale Spirou, per poi essere raccolto in volume. L’ultimo libro, il ventiduesimo, è uscito nel 2018, scritto da Sirius e disegnato sempre da Walthéry.

Parigi, 1963, Natacha, una bionda piuttosto ingenua con occhi sognanti da cerbiatta, è la fantasia incarnata dell’assistente sexy di volo. Eppure, la nostra eroina non corrisponde alle aspettative della società: libera e dotata di un grande senso dell’umorismo, Natacha è una donna moderna, in anticipo sui tempi, che si troverà nel mezzo di un’incredibile avventura.

Vanessa Djian, produttrice, e Nathalie Toulza-Madar, vicedirettore di TF1 Studio, mettono le mani avanti: «Natacha è una serie a fumetti franco-belga creata da François Walthéry, pre-pubblicata dagli anni ’70 sul quotidiano Spirou e raccolta in volume dalle edizioni Dupuis. Oggi la serie conta 23 titoli. I diritti audiovisivi sono rappresentati da Laurent Duvault per Mediatoon e siamo molto felici di unire le forze per portare avanti l’ambizioso progetto “Natacha”. Con la talentuosa Noémie Saglio alla regia e Laurent Turner alla scrittura, vogliamo creare un film divertente e moderno. Natacha sarà un po’ Miss Maisel con un pizzico di vendetta bionda. In questo spirito post #metoo, siamo sicure che il pubblico si aspetta una commedia con una grande figura femminile».

Il fumetto Natacha è inedito in Italia.

Articolo precedente

Annullato Livre Paris, il salone del libro di Parigi

Articolo successivo

Steinkis e Grasset uniscono le forze nel nome delle graphic novel