Vai al contenuto

Virginie Grimaldi e Jacques Attali pubblicheranno i loro prossimi libri con Flammarion

Virginie Grimaldi e Jacques Attali, dopo aver lasciato Fayard, hanno scelto Flammarion come loro nuova casa editrice, dove vanno a fare compagnia a Sophie de Closets.

Secondo «Le Monde», Virginie Grimaldi ha formalizzato lunedì scorso il suo arrivo a Flammarion. «Questa vicenda ha occupato la maggior parte del mio tempo durante l’estate. Ora sono calma ed emozionata. Non vedo l’ora di iniziare questa nuova avventura», ha dichiarato Virginie Grimaldi. Il prossimo romanzo sarà probabilmente pubblicato nella primavera del 2023.

Il 14 giugno la scrittrice più letta in Francia aveva annunciato di voler lasciare Fayard, una delle filiali di Hachette. «Ho trascorso sette anni meravigliosi, circondata e sostenuta da persone straordinarie, sia a livello umano che professionale, ma i miei valori e le mie convinzioni non sono più in sintonia con la direzione che sta prendendo l’azienda», aveva dichiarato la scrittrice su Twitter.

Virginie Grimaldi finisce regolarmente ai vertici delle classifiche di vendita con libri quali Il nous restera ça, Les Possibles, Quand nos souvenirs viendront danser e Le premier jour du reste de ma vie, che sono stati tradotti in circa venti lingue (in Italia è apparsa nei cataloghi Mondadori e Fabbri). Nel 2021, è stata la scrittrice più letta in Francia, dietro a Guillaume Musso, con 877.000 copie vendute secondo le stime di GfK.

A settembre, ben quattro editor hanno visitato la sua casa di Bordeaux per convincerla a pubblicare con le loro case editrici. JC Lattès, Albin Michel, il direttore generale del gruppo Editis Michelle Benbunan e quindi Flammarion, che era la favorita dai pronostici e ha confermato le aspettative.

Sophie de Closets, che nel nuovo edificio di Flammarion di rue Saint-Lazare ha ritrovato alcuni dei collaboratori che aveva in Fayard, ha accolto anche Jacques Attali, un autore che ha trascorso quasi quarant’anni con Fayard. Il suo prossimo saggio sull’istruzione, intitolato Histoires mondiales et futurs de l’éducation, sarà pubblicato il 9 novembre da Flammarion. Sei giorni dopo, anche il romanzo di Michelle Obama, This Light Within Us, sarà pubblicato dalla casa del Gruppo Madrigall dopo che i suoi libri precedenti erano usciti con Fayard.

Il 24 marzo 2022, Hachette aveva annunciato l’addio della presidente di Fayard, Sophie de Closets: un cambio che aveva provocato un’ondata di partenze tra gli scrittori. Gérard Davet, Fabrice L’homme, Victor Castanet e Virginie Grimaldi hanno lasciato la casa editrice. Queste partenze sono avvenute anche in un momento in cui la società madre di Fayard, Hachette, sta per passare sotto il controllo di Vivendi, il gruppo del miliardario Vincent Bolloré. In vista della prevista acquisizione di Lagardère da parte di Vivendi, e quindi di una possibile fusione tra Hachette ed Editis, alcuni scrittori hanno già espresso preoccupazione, attraverso la stampa o la formazione di un collettivo, per la loro futura libertà editoriale.

Articolo precedente

Pierre Adrian vince la prima edizione del premio Jean-René Huguenin

Articolo successivo

Top 20 BD: i fumetti più venduti della settimana 41/2022 - Tardi